About

Guilmi Art Project (GAP) è un progetto di residenza artistica a cadenza annuale ospitato nel comune di Guilmi. Dal 2007 Federico Bacci e Lucia Giardino invitano artisti visivi nella propria casa nel centro cittadino, al fine della produzione di un’opera che si ponga in dialogo a vari livelli col paese e/o con la comunità.

L’attività di GAP si compone di varie fasi, articolate in vari momenti dell’anno, senza scadenza predefinita, per poi concludersi con la residenza vera e propria e con gli eventi collaterali che essa innesca.

L’individuazione e la selezione dell’artista residente sono dettati da fattori variabili, tra i quali l’affinità ad un certo sentire ed agire, la capacità d’ascolto, d’osservazione e d’interpretazione di un luogo specifico o di tematiche ad esso relativo, giocano un ruolo fondamentale. L’artista deve essere pronto a sostenere il proprio operato di fronte ad un pubblico molto esigente, proprio perché avulso da un contesto artistico formato. L’artista deve altresì essere pronto a mettersi in gioco e ad imparare da categorie non solitamente considerate. Se GAP intuisce tutto ciò in un artista, in genere la selezione è fatta e si procede con l’invito. GAP non prevede quindi un application form.

La ricognizione sul territorio  è naturalmente un momento importante che può avvenire sia in una fase precedente alla residenza, sia nei primissimi giorni di permanenza dell’artista a Guilmi. GAP dà in questo libertà assoluta  agli ospiti, invitandoli a soggiornare nella casa in via Italia a loro piacimento, in più periodi dell’anno.

La residenza vera e propria include la realizzazione del lavoro o del progetto in situ e prevede  sempre, anche se con modalità differenti o marginalmente, l’intervento di parte degli abitanti. Questi possono contribuire come esecutori, assistenti, depositari di conoscenze, attori effettivi dell’opera finale. L’artista è inoltre sempre assistito da GAP, che agisce da ponte tra la comunità e l’artista, oltre a mettere a disposizione di quest’ultimo materiali, equipaggiamenti e cibo!

La presentazione delle opere dell’artista residente agli abitanti del paese e ai visitatori è il vero banco di prova dell’operato svolto ed è solitamente messa in programma nei primi quindici giorni di agosto. L’artista, che fino a quella data lavora al coperto, manifestando solo sprazzi del work-in-progress ai cittadini, esce allo scoperto mostrando i frutti del proprio lavoro. Dalla prima edizione, svolta come tradizionale vernissage, il momento della presentazione delle opere si è trasformato in una sorta di festa paesana, un evento nell’evento, che la gente aspetta con curiosità ed interesse, ma anche solo per partecipare ad una festa e stare insieme. Il senso di comunità, ben presente nel paese, fa sì che questo momento non sia statico, ma dinamico e partecipato. Nelle ultime edizioni il paese si è lasciato accompagnare in processioni laiche, diverse nelle modalità e finalità, ma simili nello svolgimento, in cui tutti hanno fatto la propria parte, mettendosi a disposizione con mezzi di trasporto, elargendo doni, servizi,  o semplici storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...