didattiche

Per svogliatezza della domenica mattina, non ci mettiamo ad esplicitare le ragioni sulle nostre “offerte formative”, le offriamo e basta. Pensiamo che tramite l’arte si impari del mondo e che l’arte debba essere insegnata, anche e soprattutto in Italia, anche e soprattutto da chi la pratica.

Fermo restante che l’esperienza del residente in paese è un momento di grande confronto e crescita per l’artista, per noi operatori e per la comunità stessa, sono due le due formule più specificatamente legate alla didattica dell’arte a GuilmiArtProject:

la Nuova Didattica Popolare e i Gaplabs

Segui i menù a cascata dei link per le varie edizioni.

Gli artisti, anche se non lo sanno, e anche se la maggior parte di loro rigetterebbe questo concetto, con la loro attività creativa aprono un processo che quasi sempre è pedagogico, soprattutto, e in modo speciale, quando non nasce con una finalità didattica. Una storica dell’arte, in una recente conversazione sul pregiudizio dei curatori, e del pubblico, nei confronti della formazione, ha detto “tutto quello che so al di là dell’arte l’ho imparato dall’arte”, e non si riferiva a stati emotivi o afflati spirituali, ma a possibilità di conoscenza oggettiva, alla scoperta o all’approfondimento di relazioni non banali.***

***Pietro Gaglianò
Ritratti di gruppo di Cosimo Veneziano
2014

La frase in neretto è di Lucia Giardino
ottobre 2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...